centro di ascolto - A.GE. CASSINO

C A S S I N O
Vai ai contenuti
ATTIVITA'
Centro di Ascolto Psicologico Familiare

SEDE DI CASSINO

PROGETTO

CENTRO DI ASCOLTO PSICOLOGICO E DI ORIENTAMENTO FAMILIARE


L'Associazione Italiana Genitori,
della Sezione Pio di Meo di Cassino,
intende realizzare un Centro di Ascolto e di orientamento ai bambini degenti ed ai genitori,come ampliamento del Progetto Andrea, teso ad integrare
con tecnici esperti,
l'attività di umanizzazione delle cure, già svolta dai volontari del Servizio Civile.

Curatrice del Progetto: Psicoterapeuta Dr. Filomena Citro
Sede: aula didattica Presidio Ospedaliero Santa Scolastica Cassino


PREMESSA

L'Associazione Italiana Genitori, con il Progetto Nazionale "Gli Ospedali di Andrea" è attiva da anni in molti reparti di Pediatria del Territorio nazionale ed anche alcuni volontari della sede di Cassino collaborano con il reparto di Pediatria del presidio cassinate dal 2002. L'attività svolta è stata caratterizzata in un primo momento dal contributo e dalla sensibilità di alcune mamme socie, poi sono stati impiegati volontari del servizio civile, ragazzi e ragazze che hanno reso un servizio costante più professionalizzato, teso ad allietare con la realizzazione di murales, disegni e momenti di intrattenimento, il soggiorno in ospedale a molti bambini, tanto che alcuni pazienti che purtroppo sono più assidui, vedono nell'associazione un punto di riferimento e sostegno. Nel 2008 l'attività già collaudata è stata integrata con la presenza ed il contributo di una nuova socia la Dr.ssa Citro Filomena, Psicoterapeuta, la quale ha svolto attività di tutor e formatore per i volontari del servizio civile ed ha cercato di collaborare con il personale del reparto per sostenere bambini e famiglie dal punto di vista psicologico.
Da qui l'idea di allestire un vero e proprio Centro di Ascolto e di orientamento psicologico, con lo scopo di codificare un'attività in un certo senso già svolta sul campo, e di poterla divulgare al meglio perché sia fruibile da tutti.
SOGGETTI,TEMPI, MODALITA' E METODO
Il Centro d'Ascolto e di orientamento psicologico avrà sede presso l'aula didattica all'interno dell' U.O.C. di Pediatria presso il presidio ospedaliero Santa Scolastica di Cassino Distretto D Frosinone, dove l'A.Ge. già svolge la sua attività.
Il servizio erogato da tale centro sarebbe indirizzato ai bambini degenti presso il reparto ed ai loro genitori, assistenza ed ascolto verrebbe fornita anche al personale del reparto, per esigenze legate alle dinamiche di lavoro.
Il servizio verrebbe svolto con specifico orario di ricevimento dietro debita prenotazione con una frequenza settimanale (1-2 giorni). In cui la presenza dello psicologo garantirà un servizio di ascolto ed orientamento tecnico e professionale.
L'attività svolta consiste nell'eseguire un ascolto psicologico all'utente mirato ad individuare la fonte e le caratteristiche del disaggio, per poi orientare la persona o la famiglia presso i presidi sanitari deputati alla valutazione, ad eventuale certificazione, alla terapia.
Il servizio pertanto opererà di concerto con gli ambulatori di neuropsichiatria infantile e con il Consultorio Familiare del distretto D, fungendo da filtro.
Lo scopo di tale iniziativa è quello di dotare il reparto di una figura professionale qualificata attualmente non presente, la quale potrebbe rappresentare una risorsa della quale il personale medico ed infermieristico potrebbe avvalersi, di fronte alle difficoltà più disparate; di tipo comunicativo, relazionale, interattivo, emotivo… per citarne alcune.
Lo psicologo potrebbe essere impiegato dall'equipe del reparto per fornire un contributo tecnico professionale di fronte a casi di difficile interpretazione, potrebbe rappresentare la voce psicologica in un ambito nel quale la multidisciplinarietà rappresenta una ricchezza e non una complicazione.
Poter realizzare tutto questo è lo scopo generale del progetto, lo scopo principale è invece rappresentato dalla possibilità di erogare un servizio ai piccoli degenti ed ai loro genitori.

Discorso della manifestazione


Innanzi tutto mi preme ringraziare tutti coloro che sono oggi presenti, a testimonianza del fatto che laddove le iniziative siano nobili e lodevoli le persone ci sono sempre vicine.
Sono il Presidente dell'Associazione Italiana Genitori, Sezione Pio Di Meo di Cassino, che, nata qualche anno fa, si è via via ritagliata uno spazio di tutto rispetto nel panorama delle Associazioni Locali di Volontariato; ciò è stato possibile grazie all'impegno sincero e disinteressato di tanti amici e conoscenti, che non lesinano tempo ed impegno per una giusta causa, un progetto o un obiettivo.
Tanti i Progetti che l'Age Cassino ha realizzato, tra cui il Centro di Ascolto e Sostegno Psicologico da circa tre anni operante presso la Direzione Didattica del I° Circolo di cassino a cura della Psicologa Dott. ssa Marisa Del Maestro, ma, fra tutti, oggi rivolgo il mio pensiero al lavoro straordinario che stiamo portando avanti nel Reparto Pediatrico dell'ospedale di Cassino con il Progetto Andrea.
Sappiamo tutti che un ospedale è spesso un crocevia di dolore, sofferenza, tristezza ed illusioni e se è difficile accettarlo per noi, diventa quasi impossibile laddove tali sentimenti colpiscano un bambino che si trovi ricoverato, anche per la ragione più banale, presso un reparto ospedaliero. Per questo, far sorridere un bambino ricoverato, dargli un po' di svago e metterlo, per quanto possibile a suo agio, è da sempre uno degli obiettivi che l'Age Cassino, si è prefissato e che, direi con immodestia, ha realizzato.
Oggi, però, siamo qui per inaugurare un nuovo importante progetto realizzato dall'Age Cassino, ed è lo sportello di Ascolto Psicologico Familiare. Troppo spesso, infatti, tendiamo a dimenticare che, a monte di un problema ospedaliero di un bambino, vi è la sofferenza, la preoccupazione o quanto meno il disagio dei genitori che si trovino ad affrontare tali vicissitudini. Ebbene l'Age, grazie all'iniziativa, all'impegno e alla dedizione delle psicologhe, dottoresse e collaboratrici che non ringrazieremo mai abbastanza, ha potuto dotarsi di una struttura di ascolto e suggerimento anche per loro. Io credo che, in certi casi, anche una sola parola di aiuto e conforto per un genitore rappresenti un valore inestimabile; pensiamo alla confusione, all'incertezza e al disorientamento di cui è vittima una persona che, magari per la prima volta, si trovi ad affrontare un problema ospedaliero per il proprio figlio; immaginiamo come questa persona vorrebbe avere accanto qualcuno che lo guidi, lo aiuti, lo consigli e lo sostenga; ecco, noi da oggi saremo in grado di far questo, potremo offrire (e qui ancora una volta il mio ringraziamento va alle collaboratrici) un aiuto anche psicologico a chi ne ha bisogno, un sostegno forse minimo ma che, in certi casi, vale tantissimo.
So per certo che chi si dedicherà a questa iniziativa lo farà con il trasporto, la dedizione e la professionalità da sempre profusa e ciò renderà tutti noi orgogliosi e soddisfatti, pur nella consapevolezza che in questo campo, e più in generale nel volontariato, ciò che si fa non è mai abbastanza. Purtroppo le risorse sono poche, ma la speranza che le istituzioni ci siano sempre vicine non ci abbandonerà mai.
Voglio ancora, prima di concludere, ringraziare sinceramente e di cuore tutti coloro che partecipano con dedizione all'Age, tutti coloro che la sostengono anche economicamente e tutti i simpatizzanti.
Permettetemi però, in questo momento, di rivolgere un caro e commosso pensiero ad una persona che, oggi, sarebbe felice ed orgogliosa di quello che stiamo facendo, di un altro obiettivo realizzato.
Questa persona è l'amico Pio Di Meo, un fratello più che un amico, Socio Fondatore dell'Age Cassino, colui il quale incarnava in sé, più di ogni altro, il vero spirito di questa associazione; una persona per la quale dedicarsi agli altri integralmente e con trasporto rappresentava un piacere dell'animo più che un dovere.
Noi dell'Age, da quando Pio è volato in cielo, abbiamo uno stimolo in più: l'intima esigenza di operare nel sociale nel nome di quel senso di solidarietà che lo ha sempre contraddistinto e di cui noi non finiremo mai di ringraziarlo, sperando di interpretarlo come a lui piacerebbe.
Grazie Pio, quindi, e grazie a tutti voi che ci aiutate, sostenete e confortate nelle nostre iniziative.


Torna ai contenuti